e-Mentor
Giunti OS
Autrice: Maria Grazia Inzaghi

Memoria

La memoria coinvolge un complesso di sistemi che consentono di registrare, immagazzinare, conservare e recuperare informazioni. È una funzione in cui si possono distinguere componenti diverse e distinte ma tra loro connesse ed integrate: memoria a breve e a lungo termine; memoria verbale e visuo spaziale; memoria di lavoro (Baddeley, 1974); memoria procedurale e dichiarativa, (Tulving, 1972) quest’ultima suddivisa in memoria semantica ed episodica; memoria autobiografica; memoria prospettica; memoria procedurale; memoria retrograda e anterograda.

In tutti gli esercizi sono previsti:

  • fase preliminare di presentazione o di elaborazione degli item da memorizzare;
  • fase di studio che si avvale di modalità diverse per ogni esercizio, la cui durata può essere libera (fino a quando il paziente non ha memorizzato stabilmente tutti gli item, oppure definita dal riabilitatore). In ogni esercizio la durata è monitorizzata da un cronometro incorporato che, in caso di necessità impellente, può anche essere messo in pausa, per poter stabilire con maggior precisione la durata effettiva della fase di studio;
  • compito interferente, di durata variabile definita dal riabilitatore;
  • fase di recupero del materiale memorizzato;
  • fase di verifica che consente di mostrare al paziente i risultati dell’esercizio.

Il compito interferente può essere costituito semplicemente da una schermata monocromatica, quando la sua durata è così breve (es 15/30/60 secondi) da non consentire lo svolgimento di alcuna attività, se non un colloquio che distolga momentaneamente l’attenzione del paziente dal compito che si è svolto fino ad allora. In caso di durata maggiore il compito interferente può essere selezionato tra quelli specificatamente proposti. Gli esercizi che possono fungere da compito interferente e che sono a disposizione, compariranno in un elenco apposito. 

Vai alla pagina dei Compiti Interferenti